Menu principale

On-line

Abbiamo
1 ospite e
0 utenti online

Sei un utente non registrato. Puoi fare il login qui o puoi registrarti cliccando qui.



Login utente
Utente
Password
* Codice di Sicurezza:

Ricordami

Non sei ancora registrato? Puoi farlo adesso!. Come utente registrato avrai diversi vantaggi come la gestione dei temi grafici, la possibilitÓ di inviare notizie e commenti.


Siti amici:
Il sito, in dialetto della Bassa Padovana, dell'amico Mestro Il sito del nostro locale preferito

Cerca con Google
Google

Fiumi e acque : Il fiume dai sei nomi (prima parte)
Inviato da : Admin Giovedý, 24 Agosto 2006 - 18:31
articoli pubblicati prima del 30/04/2007  

 I fiumi sono simboli di un luogo, di una città, di una nazione. In questa zona del Veneto il fiume simbolo è senz'altro l'Adige, ma non solo. Infatti nonostante la sua importanza e la sua portata, il fiume non è sufficiente per l'irrigazione delle estese campagne, né per alimentare l'acquedotto. Per ovviare a questo e, soprattutto per contenere le varie piene, si è fatto ricorso ad altri corsi d'acqua meno importanti, ma forse molto più necessari. Uno di questi corsi è il canale di Santa Caterina, già conosciuto come Fossa Lovara e presente nella zona fin dalla preistoria... (continua)



Più che un canale, è un fiume di una certa importanza con una singolare particolarità: cambia sei volte nome lungo la sua strada: Agno, Guà, Fràssine, Brancaglia, Santa Caterina, Gorzone. Il suo percorso dalla sorgente alla foce, dalla zona prealpi­na al mare, è interessante anche se non è facile seguirlo su una carta topografica. Questo fiume nasce ai confini della Provincia di Vicenza con il Trentino, con il nome di Agno. Sul perchè di questo nome, si possono formulare so­lo delle ipotesi. Secondo l'illustre glottologo G.B. Pellegrini, Agno de­riverebbe dalla parola latina antichissima «Amniu» (per amnis-fìume). Questo vocabolo fu però poco usato, perché erano più comuni gli al­tri due: flumen e fluvius. Lo storico vicentino Mons. Mantese ritiene, invece, che nella for­mazione del toponimo «Agno» possano avere influito i caratteri del paesaggio. L'umido fondovalle, infatti, era occupato dall'impetuoso torrente e da macchie di ontani, piante che amano la terra grassa e umi­da. Pertanto, proprio per l'abbondante presenza dell'ontano, in latino «anus», sarebbe stato dato al torrente il nome di Agno. Solo questo poi dovrebbe essere stato il nome del fiume in origine, gli altri sono di epo­ca abbastanza recente. A formare questo corso d'acqua sono i torrentelli che scendono dai fianchi delle Piccole Dolomiti sopra Recoaro e quelli, oltre ai rii, che provengono dai Lessini che fiancheggiano la vallata. Vediamo i monti che attorno a Recoaro costituiscono un arco: Cima Campo d'Avanti (m.1689), Cima del Grammolon (m.1808), Zevola(m. 1975), Cima delle Tre Croci (m.1942), Plische (m.1991), Obante (m.2043), Cima di Campogrosso (m.1502); da questi scendono a raggiera verso Recoaro numerosi tor­rentelli, di cui ricordiamo i principali: l'Agno di Crème, l'Agno di Lora che raccoglie acque provenienti dai vari Pelegatta, Lavaratte, Batental, il Rotolon (Campogrosso), dalle piene travolgenti, che si getta nell'A­gno di Lora, due chilometri prima di Recoaro, a quota m.563. Da quest'ultimo punto di confluenza inizia il corso dell'Agno pro­priamente detto, che, uscito dal tronco iniziale, scorre in una stretta valle fino a Recoaro. Le acque dei piccoli affluenti rendono fertile questa vallata, detta appunto la «conca di smeraldo» per lo smagliante verde dei suoi prati, famosa anche per le sue sorgenti di acque ferruginose. Da Recoaro a Valdagno, dove divide l'abitato in due parti distinte, l'Agno convoglia le acque fra sponde naturali, ricevendo un'altra ventina di affluenti. È da tenere presente che, fino a S.Quirico, il fiume trascina un'e­norme congerie di materiali detritici, che incappano in salti, formati dagli imbrigliamenti, costruiti sulla linea di fondo, in più punti, per ar­restare la corsa dei detriti. Giova inoltre ricordare che le rocce della zona superiore sono, purtroppo, per lo più, impermeabili o poco per­meabili. Per giunta, i bacini raccoglitori delle acque dei torrenti, che affluiscono al tronco superiore, specialmente al ramo del torrente Rotolon sono costituiti da materiale franoso. Ne derivano due fatti: piene impetuose e molto materiale detritico. Inoltre, l'alto bacino dell'Agno-Guà si trova nell'area, sia pure molto ristretta, della massima pio­vosità del Veneto. Piove moltissimo, in autunno e in primavera, con poca differenza fra le due stagioni. Il mese in cui cade più pioggia è novembre. La minima si riscontra d'estate e d'inverno. Le forti precipitazioni giustificano le piene impetuose, con le pau­rose inondazioni che si verificavano una volta, prima che fossero com­piuti dei lavori di scarico dell'acqua. Fino al secolo XVI, poi, i versanti montani dell'alto bacino dell'Agno erano ricoperti di una fitta vegetazione arborea. Così, erano im­pedite le piene impetuose, limitato era anche il trasporto dei detriti, ma, distrutto il manto forestale sulle valli superiori, le rocce furo­no disgregate dalle acque e dagli agenti atmosferici. Pure la distribu­zione delle precipitazioni divenne irregolare. Si comprende così quanto sia preziosa e insostituibile l'opera del­le piante per regolare il deflusso delle acque. L'alveo dell'Agno, nel tratto Valdagno Tezze, si presenta abbastan­za ampio e capace. La vallata prende il nome dal fiume, incomincia ad allargarsi sempre più, a mano a mano che l'Agno procede in direzione di Cornedo, Castelgomberto, Trissino e Tezze. In quest'ultima località, è ampia, ubertosa e molto ridente per la bellezza del paesaggio. Lungo tutto il corso superiore, da quota m. 563, sopra Recoaro, fi­no all'antico guado, a quota m. 123 circa, l'Agno percorre approssima­tivamente 25 Km. e ha carattere torrentizio per il forte dislivello (cir­ca 440 metri). Da Tezze in giù, anche nelle carte topografiche, viene disegnato come fiume, non tanto per una maggiore portata d'acqua, quanto piut­tosto per il diverso carattere del suo corso: acque calme, in un alveo di lieve pendenza. Lungo tutto l'alto corso, poi, fino a Trissino, è un susseguirsi frequente di corsi d'acqua confluenti nell'Agno, di cui tre sulla destra sono degni di menzione: il Torrazzo, il Grangaro e il Rio. Sempre sulla destra, dopo Trissino, si gettano due torrenti : l'Arpega e il Rèstena, che trasportano molto materiale solido, ricco di prin­cipi fertilizzanti. Le acque, infatti, dilavano rocce di natura basaltica. A metà percorso, fra Trissino e Tezze, nel tratto cioè dove si nota­no frequenti salti d'acqua, atti a frenare la velocità e dove appaiono an­cora evidenti i rovinosi straripamenti avvenuti in passato, il torrente Agno cambia nome e anche qualifica. E' a Tezze, alla confluenza con il Rèstena, che muta il nome in Guà, che conserva fino al Frassine. Di qui incomincia anche il corso medio e, sempre da qui, hanno inizio le arginature di seconda ca­tegoria. Ma come si può spiegare questa nuova denominazione del fiume?


Il fiume dai sei nomi (prima parte) | Login/crea un profilo | 0 Commenti
I commenti sono di proprietÓ dei legittimi autori, che ne sono anche responsabili.

This theme compliments of Autothemes.com
Un altro progetto MAX s.o.s.
Crediti Powered by MDPro