Menu principale

On-line

Abbiamo
3 ospiti e
0 utenti online

Sei un utente non registrato. Puoi fare il login qui o puoi registrarti cliccando qui.



Login utente
Utente
Password
* Codice di Sicurezza:

Ricordami

Non sei ancora registrato? Puoi farlo adesso!. Come utente registrato avrai diversi vantaggi come la gestione dei temi grafici, la possibilitÓ di inviare notizie e commenti.


Siti amici:
Il sito, in dialetto della Bassa Padovana, dell'amico Mestro Il sito del nostro locale preferito

Cerca con Google
Google

Storia : Aspettando il film... la storia della parrocchia di Stanghella (seconda parte)
Inviato da : Admin Lunedý, 04 Agosto 2008 - 19:32
Articoli pubblicati dopo l'8 maggio 2007

Dopo la serie dei parroci, torniamo alla nostra storia. Abbiamo detto che nel 1468 i Pisani si erano aggiudicati all'asta un territorio alquanto esteso, compresa una parte del nostro paese. Per più di cento anni ci hanno lasciato nel dimenticatoio, poi, improvvisamente...

diap_chiesazza1

 ...nel 1592 ecco la necessità impellente di chiedere alla Diocesi il permesso di edificare una chiesa. Quanto si può conoscere dalle ricerche eseguite da Domenico Centanini, nel lontano 1931.

Il 13 gennaio 1592 venne pertanto emanato dalla Curia Vescovile di Padova il seguente decreto, che riferisco tradotto:

« Possedendo il Sig. C. Luigi Pisani fu Marc'Antonio nella Villa di Stanghella molti campi e terre, che, stante la sua industria e grande dispendio, vanno di giorno in giorno migliorando, ne deriva colà un aumento di popola­zione, che, distante da chiese, manca di assistenza religiosa, ed a causa del­le strade fangose solo con grande dif­ficoltà può recarsi d'inverno ad ascoltare la messa, restando ancor privi gli infermi dei conforti religiosi. Il sig. C. Pisani pertanto mosso da devozione e da caritatevole zelo, e desiderando l'accrescimento del divin culto, si di­chiara disposto di far ivi costruire per comodo degli abitanti e per altri ra­gionevoli motivi e specialmente in ossequio alle disposizioni dei Sacri ca­noni e del Con. Tridentino, una chie­sa Parrocchiale sotto l'invocazione di S. Catterina V. M. Perciò in data 13 gennaio 1592 egli inoltrò all'ill.mo e Rev.mo Mons. Luigi Cornelio Vescovo di Padova un'istanza offrendosi di do­tare la costruenda chiesa e di erigere insieme la casa canonica e di fare quanto piacerà e parrà opportuno al Vescovo...».

L'istanza al Vescovo del Co. Pisani.

Ed ecco l'istanza del conte sig. Luigi Pisani in data 13 gennaio 1592 al Vescovo di Padova. Ill.mo e Rev.mo Mons. Luigi Cornelio.

« Desiderando io Alvise Pisani fu Marc'Antonio per zelo, ed accrescimen­to del culto divino far fabbricare una chiesa in Villa di Stanghella, si per lo incomodo che ricevono quegli abitanti dalla lontananza di chiese, come per le strade pessime che il più dell'anno fanno, quali causano che la maggior parte di quel popolo non vanno alli Santi Uffici, oltre l'incomodo e gravez­za che ricevono da un passo posto ad uno degli doi canali che attraversa essi nostri luoghi, quali per il taglio del Gorzon, con infinita spesa di casa no­stra, si vanno alla giornata riducendo; le quali incomodità causano che molti infermi, ed in particolare, li poveri, molte volte moiono senza poter rice­vere li Sacramenti, offerendomi dotare essa chiesa come ordinerà V. S. R.., perché così in ciò, come intorno alla fabbrica, eseguirò quel tanto che da Lei sarà ordinato, non avendo io altro fine, se non che quelli poveri, quali so­no sottoposti alla perdita dei loro rac­colti per causa delle acque, non siano anco privi del governo delle anime lo­ro, essendo io certo che tal comodità farà il luogo più abitabile, provandosi ora grandissima penuria di trovare abitatori per incomodità della Chiesa; e tanto più di ciò ardentemente La supplico, quanto che tal dimanda è conforme alle disposizioni dei Sacri canoni e del Concilio di Trento, i quali dispongono che per la distanza dei Parrocchiani si facciano nuove chiese con altre circostanze qualmente in essi si contiene...».

Come facilmente rilevasi dal surrife­rito testo, il Pisani non aveva il solo scopo

« che quelli poveri non fossero privi del governo delle anime loro», ma quello anche di ovviare alla « penuria di trovare abitatori». Cosicché si può concludere che se la nuova chie­sa offriva modo agli abitanti di avere i conforti spirituali, incoraggiava altri a piantarsi qui per valorizzare queste terre.

In seguito alla istanza del Pisani, il Vescovo nella stessa data 13-1-1592 decretava quanto segue:

« L'Ill.mo e Rev.mo sig. Giuliano Ur­bano Canonico e Vicario Generale dili­gentemente s'informi su quanto sopra, ed affinché più facilmente, possa assu­mere informazioni, si porti sopra luo­go, ed esaminato tutto, ne faccia a Noi relazione, affinché possiamo essere in grado di decretare quanto sarà giusto e conveniente».

Il sopralluogo avvenne il 24 agosto 1592 e l'atto costitutivo del Beneficio fu steso il 15 Novembre 1592.

Ecco l'atto costitutivo della Parroc­chia e Beneficio di Stanghella tradotto in italiano:

«L'Ill.mo e Rev.mo D. Giulio Urba­no Can. Proton. Ap., e Vicario Gen. della Diocesi di Padova, in esecuzione del soprascritto Decreto Vesc. e ad istanza dell'Ill.mo sig. Luigi Pisani. essendosi recato sopralluogo con il R. D. Luigi Da Ponte Primicerio, Alessandro Ierolmic e Sebastiano Podio canonici della Cattedrale di Padova e con me infrascritto Notaio in data 24 agosto 1593 per assumere esatte informazioni, fece ricerche su quanto fu esposto nell'istanza e passò all'esame di testi giurati, e cerzioratosi sia dall'esame dei testi, come da con­statazione fatta de visu, che quanto è esposto nell'istanza risponde a verità, e che l'erezione della nuova Parroc­chia sarebbe di massimo giovamento alle anime e al divin culto, secondo il consiglio degli stessi Reverendi scielse il sito della Chiesa e la segnò in lun­ghezza e larghezza, così pure, la costruenda casa Canonica, ed il tutto ne riferì a mons. Vescovo. Il quale Ill.mo e Rev.mo Mons. Ve­scovo, intesa la relazione fattagli da .Mons. Vicario Gen., con la sua auto­rità approvò e ratificò quanto finora fu fatto e disposto nella presente faccenda.

Decretò inoltre che la chiesa proget­tata, quando sia costruita, si elevi a Parrocchiale, sotto il titolo di S. Caterina, con reale dotazione ed asse­gnazione di cento annui ducati, in ra­gione di libre 6.4 per ducato, pel so­stentamento del Rettore, e con la pro­messa in perpetuo futuro di provve­dere alla necessaria manutenzione del­la fabbrica della chiesa e della casa canonica, come pure di provvedere agli arredi e paramenti sacri.

Agli stessi Conti Pisani poi, ai loro eredi e successori riservò e riserva il giuspatronato e il diritto di presenta­re per la detta chiesa, quanto essa rendasi vacante, una persona idonea da istituirsi poi dal Vescovo di Padova o dal suo Vicario Gen., fatta prima obbligazione su tutti e singoli gli one­ri di cui sopra, siccome consta dagli atti di me Notaio in data 29 agosto 1592.

In esecuzione pertanto di quanto sopra e per vincolare le promesse, in questo giorno di lunedì quindici No­vembre 1592 - Indizione Sesta - si è presentato al sopraddetto Mons. Giulio Urbano Vic. Gen. ed ai testimoni ed a me infrascritto Notaio, nel Palazzo Ve­scovile di Padova, nella camera di re­sidenza e udienza del predetto Rev.mo Vicario Gen. il soprascritto sig. Luigi Pisani, il quale, agendo in suo nome e dei Conti F.lli, dotò la predetta chiesa di Stanghella, della Diocesi di Padova , in questo modo, cioè :

Di circa tre campi contigui alla predetta chiesa: di cento ducati aurei, in ragione di li­bre 6.4 per ducato, da darsi ogni an­no al Rettore della chiesa, computato in questa somma tutto ciò che verrà pagato dai lavoratori dei detti Conti della detta Villa di Stanghella in da­naro contante secondo la quota da fis­sarsi.

Assicura sul suo nome e su tutti i beni presenti e futuri che il detto Ret­tore avrà ogni anno, come sopra, i cento ducati, che curerà la manutenzione della detta chiesa e che la fornirà di sacre suppellettili ogni qual­volta sia necessario.

Il Rev. Mons. Vicario Gen. predetto accettò la dote ed assegno soprascritti e li approvò con la sua autorità e con decreto.

Questi atti furono fatti a Padova nel luogo e giorno sopradetti, presenti i testi Sac. Filippo Urbano, l'Arciprete della Collegiata di San Martino di Pio­ve di Sacco e Francesco Mazza, domi­ciliato in Padova in Via S. Matteo.

E perché io Marc'Antonio Selavo. pubblico notaio di Padova e scrivano nella Curia Vescovile, fui presente. giusta richiesta scrissi e pubblicai quanto sopra. Perciò questo pubblico istrumento, steso da mio figlio sig. Ni­cola Notaio, ho sottoscritto e l'ho mu­nito del mio sigillo di tabellionato .

 

Flaviana

(continua)...


Aspettando il film... la storia della parrocchia di Stanghella (seconda parte) | Login/crea un profilo | 0 Commenti
I commenti sono di proprietÓ dei legittimi autori, che ne sono anche responsabili.

This theme compliments of Autothemes.com
Un altro progetto MAX s.o.s.
Crediti Powered by MDPro